• Accreditato da
  • Promotore

Presentazione

Le malattie cardiovascolari rappresentano attualmente la prima causa di mortalità̀ nei paesi industrializzati e si prevede che lo diventino anche nei paesi in via di sviluppo entro il 2020. Il nostro Paese non fa eccezione a questa diffusione “epidemica” delle malattie cardiovascolari che ancora costituiscono oggi uno dei più importanti problemi di salute pubblica per il loro rilevante impatto in termini di morbilità, mortalità e disabilità: chi sopravvive a una forma acuta diventa spesso un malato cronico con notevoli ripercussioni sulla qualità̀ della vita e sui costi economici e sociali che la società̀ deve affrontare. Invero, il peso delle malattie cardiovascolari dal 1971 al 2000 è mediamente diminuito in tutte le età̀ e in misura maggiore per le donne (restano comunque la principale causa di decesso per entrambi i sessi dopo i 65 anni) ed  il più importante contributo al sostanziale dimezzamento della mortalità totale che si è osservato nel corso degli ultimi 40 anni (riduzione del 53% tra il 1970 e il 2008) è derivato proprio dalla riduzione della mortalità per malattie cardiovascolari che nello stesso periodo si è ridotta del 63%. Questo andamento in discesa della mortalità per cardiopatia coronarica in Italia è da ricondurre ai cambiamenti nei trattamenti e nei fattori di rischio nella popolazione. Circa il 40% di questa diminuzione è dovuto ai trattamenti specifici, principalmente trattamenti per lo scompenso cardiaco e terapie in prevenzione secondaria dopo un infarto del miocardio o una rivascolarizzazione. Circa il 55% è invece dovuto ai cambiamenti nei maggiori fattori di rischio cardiovascolare nella popolazione italiana, principalmente la riduzione della pressione arteriosa e della colesterolemia totale.

Questi dati dimostrano in modo evidente l’importanza di una ottimizzazione delle strategie di prevenzione soprattutto nei pazienti ad elevato rischio cardiovascolare. La terapia con inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE-inibitori) ed acido acetil-salicilico rappresenta il caposaldo delle diverse strategie di prevenzione in questa tipologia di pazienti. La massimizzazione della resa terapeutica, fondamentale in questi pazienti, deve necessariamente poggiare su una precisa caratterizzazione del profilo di rischio del paziente ed una scelta ragionata dei trattamenti che le evidenze scientifiche possono identificare come più appropriati per il singolo paziente.

La FAD si propone di fornire al medico gli strumenti per un approccio ragionato alla definizione della strategia terapeutica più opportuna nel paziente ad elevato rischio cardiovascolare con specifico riferimento all’uso di ACE-inibitori e acido acetil-salicilico.

Programma

Programma

Identificazione del paziente ad elevato rischio cardiovascolare (G. Desideri)

Angiotensina e danno cardiovascolare (G. Ambrosio)

ACE-inibitori: dal profilo farmacologico all’efficacia clinica (G. Desideri)

Acido acetilsalicilico e protezione cardiovascolare (C. Borghi)

Il Progetto SMILE: indicazioni per una protezione cardiovascolare integrata (C. Borghi)

Informazioni

Obiettivo formativo

3 - Documentazione clinica. Percorsi clinico - assistenziali diagnostici e riabilitativi, profili di assistenza - profili di cura

Mezzi tecnologici necessari

Non sono richiesti degli strumenti tecnici specifici. Si raccomanda di utilizzare browser aggiornati come Safari, Chrome, IE (dalla versione 8), Firefox.

Procedure di valutazione

Al termine del corso sono presenti le domande con quattro risposte multiple di cui una sola è corretta. Per ottenere i crediti formativi è necessario rispondere al 75% delle domande in modo corretto. Si hanno 5 tentativi a disposizione. Nel caso si falliscano tutti e 5, non verranno rilasciati i crediti.

Informazioni

Per informazioni di carattere scientifico, contattare il PROVIDER ECM:

DUECI PROMOTION SRL 

Tel. 0514841310

E-mail. fad@duecipromotion.com

Preghiamo di specificare il titolo dell'evento nell'oggetto della mail

Responsabili

Docente

  • Prof. GIUSEPPE AMBROSIO
    Professore e Direttore della Scuola di Specializzazione in Malattie dell’Apparato Cardiovascolare, Università di Perugia
    Scarica il curriculum
  • Prof. CLAUDIO BORGHI
    Professore di Medicina Interna presso l’Azienda Ospedaliero- Universitaria Policlinico S. Orsola – Malpighi di Bologna
    Scarica il curriculum
  • Prof. GIOVAMBATTISTA DESIDERI
    Professore di Medicina Interna presso il Dipartimento di Medicina Interna e Sanità Pubblica dell’Università de L’Aquila
    Scarica il curriculum

Elenco delle professioni e discipline a cui l'evento è rivolto

Medico chirurgo

  • Cardiologia
  • Geriatria
  • Medicina generale (Medici di famiglia)
  • Medicina interna
leggi tutto leggi meno